Negli ultimi 2 anni ho creato un business online da zero (Expanda), che oggi mi permette di vivere da dove voglio ispirando chi mi segue a vivere una vita consapevole e sana. Nella mia strategia ho usato Facebook per sponsorizzare videocorsi che mi hanno fatto guadagnare decine di migliaia di Euro; con le mie conoscenze e consapevolezza, ho aiutato a far crescere diverse decine di realtà online, miei clienti, che oggi utilizzano internet per promuovere se stessi ed il proprio business con successo.
Ma non voglio parlare di strumenti online oggi, voglio parlarti dello strumento Facebook da un punto di vista esterno a qualunque dinamica di marketing, più incentrato al suo ruolo nella vita di tutti noi e su come esso stia diventando il media per eccellenza del nuovo millennio.
 
Questo è il frutto dell’osservazione distaccata di un individuo che sta ponderando ogni sua azione e vorrebbe che tu faccia lo stesso.

Facebook è la nuova TVfacebook è la nuova televisione

La televisione, per quasi un secolo oramai, è stata il frutto di diverse generazioni di ascoltatori, che hanno “fatto” la televisione. Si, perché essa, altro non è che il prodotto di ciò che la gente vuole sentirsi dire, ciò di cui vuole parlare e quello che vuole vedere.
 
Quelli che ancora giudicano la televisione come strumento di manipolazione di massa, non hanno capito che coloro che creano i programmi televisivi, lo fanno, perché c’è qualcuno che li guarda, altrimenti chi caspita la guarderebbe?
 
Allo stesso modo, oggi, Facebook è diventato la nuova televisione, il luogo dove la massa, cioè la confusionaria mescolanza dei nostri bisogni, risentimenti, credenze limitanti, dipendenze, vizi e richieste di attenzione, finisce per prendere luogo.
 
Questo vuol dire che la maggior parte dei post che vediamo sulla newsfeed di Facebook, altro non sono che le stesse cose che vediamo sulle copertine dei giornali, delle riviste di gossip o nei tg.

Cosa cambia?

Cambia che su Facebook, l’accuratezza è molto più elevata.
 
A differenza di una testata giornalistica o di un telegiornale, che hanno strumenti limitati nell’analizzare il pubblico e quindi creare notizie ad hoc, Facebook usa gli algoritmi e l’intelligenza artificiale delle macchine per analizzare e servire solo le cose più piccanti, più stupefacenti e che catturano facebook è la nuova televisionel’attenzione mentale (profondamente dipendente da bisogni egoici) dell’utente medio.
 
Questo significa che, a differenza dei primi anni, dove vedavamo esclusivamente quello che postavano i nostri amici in ordine temporale, oggi Facebook ci schiaffa davanti le notizie più in voga, spingendoci, inconsapevolemente, all’interno della solita gabbia di percezioni falsate, figlie del pensiero unico che si sviluppa naturalmente nella civiltà addormentata.
 
Certo, si vedono ogni tanto ancora degli sprazzi di allegria o sana ricerca qua e là, ma se non ve lo siete ancora accorti, avendo una lista di “amici” quasi infinita, la vostra bacheca, in ben poco tempo, somiglerà più ad una serie di “reclame” tra la prova del cuoco della Clerici ed il TG1 dell’una.
 
Non c’è dubbio che per coloro che oggi passano la maggior parte del loro tempo sullo smartphone, Facebook diventerà la nuova televisione, rendendoli vittime della nuvola di inconsapevolezza che copre le menti di ancora troppi individui.

La soluzione?

Esistono diverse soluzioni:
 
Uscire da Facebook. Questa è una soluzione, anche se, come dice mia moglie (che facebook non c’è l’ha) se sei dipendente dal mondo esterno, troverai altri strumenti per castrarti da solo. Vedi Netflix, altri social o, di nuovo, la Televisione.
 
Pulire la lista amici. Questo è altamente consigliato. Dato che gli amici di Facebook non sono veri amici (a parte 3 o 4) ti consiglio di dare una netta ranzata alla lista di amici che hai, cosi da vedere nella tua bacheca, solo determinate cose.
 
Usarlo consapevolmente. Questa è la più difficile delle soluzioni, ma anche la più risvegliante.
Facebook rimane uno strumento utilissimo e che sta cambiando il mondo. Il mio consiglio più spassionato è quello di maturare in te la capacità di utilizzare facebook solo per comunicare con amici e per scambiare link che aiutino l’evoluzione del pianeta, senza eccedere e facendo attenzione a cosa provi al tuo interno ogni qualvolta leggi un post, un commento o una notizia.
 
Facebook può essere uno strumento di Risveglio e di lavoro su di Sè, ma solo se viene utilizzato consapevolmente.facebook è la nuova televisione
 
Pensa ad una Ferrari. Se si potesse, sarebbe capace di farti raggiungere un luogo in pochissimo tempo, ma solo se sei capace a guidarla, altrimenti potrebbe essere uno strumento di morte. Dall’altro lato, una 600 del ’79, ti porterebbe ovunque, con estrema calma e con il pericolo che si rompa nel tragitto.
Cosa è meglio?
Uno strumento che non funziona, ma che tutti sarebbero capaci di usare, oppure uno strumnto efficentissimo, ma che solo in pochi saprebbero usare senza farsi del male?
 
Ecco, questo è quello che sta succedendo oggi.
Il comfort sta crescendo esponenzialmente, cosi come l’intelligenza artificiale e la tecnologia.
 
Dall’altro lato, la consapevolezza dell’uomo medio è rimasta ferma al medioevo, salvo sporadici casi.
 
Le conseguenza le vedi nella bacheca di Facebook, nel tuo posto di lavoro, tra gli amici e nella società tutta.

Come cambiare?

Il cambiamento avviene solo se ognuno di noi si impegna a fare attenzione, a riflettere ed a non alimentare tutte quelle emozioni basse fatte della stessa sostanza della dualità.
 
Perché se non agiamo consapevolmente nella nostra vita, in quella di ognuno di noi singolarmente, come possiamo aspettarci che la collettività intera sappia svoltare rotta per un mondo più sano e pronto per la discesa di pace, amore e convivenza?

Posso esserti di aiuto?

Come ho spiegato, Facebook, ma non solo, rimane uno strumento utilissimo per plasmare l’idea che gli utenti hanno di te o della tua azienda. Per questo motivo, negli ultimi anni mi sono messo al servizio di individui che vogliono promuovere una idea, un prodotto o un servizio, secondo una direzione evoluzionistica e arricchendo il mondo che li circonda.
Se pensi di stare facendo lo stesso o se questo è il tuo obiettivo, ti invito a contattarmi per ricevere una consulenza strategica e tracciare la direzione più consona ed efficace al tuo business. Lo dico da esperto di comunicazione online e da uomo consapevole.
Visita la pagina “contatti” e non esitare a scrivermi.
Ti auguro una serena giornata.
Devid Venara
Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo in segno di riconoscimento. Grazie!